sabato 1 giugno 2013

Infiorata 2013 VIII Edizione




Malgrado le avverse condizioni atmosferiche anche quest’anno, seppur con un giorno di ritardo, si è svolta a Circello l’VIII edizione dell’ infiorata, in onore della Madonna dei Fiori.

Di certo, a causa del maltempo, è mancata quell’atmosfera magica che ogni anno caratterizza la notte che precede la festività del 1° giugno.

Una notte in cui, centinaia di persone unite da uno spirito di devozione e amicizia e, sfidando sonno e spesso freddo, danno vita alle proprie creazioni artistiche. Ininterrottamente, fino al sorgere del sole ed in tempo utile affinché il mattino seguente tutto sia pronto prima del passaggio dei devoti che in processione accompagnano la Madonna per le strade del paese.

Purtroppo, quest’anno il cattivo tempo ha impedito che si concretizzasse nuovamente una simile notte , intrisa di gioia e partecipazione, tuttavia non è venuto meno il desiderio di tanti devoti che, con grande determinazione, hanno comunque realizzato le proprie opere, seppure in momenti e luoghi diversi.

Dei 28 gruppi prenotati, ben 19 hanno deciso di affrontare il freddo e la pioggia ed animati di coraggio e dedizione alla Madonna hanno realizzato le proprie composizioni floreali.

Diverse le rappresentazioni floreali compiute all’interno dei locali adiacenti via Roma, luogo di svolgimento usuale della manifestazione.

Lodevole la partecipazione degli alunni della 3^ e 4^ elementare che, guidati dalle rispettive insegnanti, hanno creato all’interno della scuola delle originali e apprezzabili raffigurazioni floreali.

Massiccia la presenza dei più giovani, uniti in gruppo per contrada o scuola di appartenenza o più semplicemente da consolidata amicizia.



Non son di certo mancati visitatori e curiosi, anche dai paesi limitrofi, a testimonianza del richiamo che una simile manifestazione è in grado di originare, nonostante la pioggia e il freddo!








































































1 commento:

  1. Che magnifico spettacolo, se oggi mio nonno sarebbe questo stupito, era nato in questa città il 4 settembre 1895, è stato chiamato ROSARIO DI TOCCO, emigrato in Argentina nel 1913 e non è più tornato, c'erano la madre ei fratelli. Io sono suo nipote, ROBERTO ANTONIO DI TOCCO, ho 57 anni e spero che Dio mi ha fortuna di conoscere quel posto.
    roandit75@hotmail.com












    RispondiElimina